Siria, Mosca annuncia a Usa chiusura linea diretta. Trump invia missili Tomahawk sulla ‘base dei raid chimici contro Idlib’. Nave russa entra nel Mediterraneo – ANSA


Il ministero della Difesa russo ha annunciato ufficialmente al Pentagono la chiusura della linea diretta per prevenire incidenti tra gli aerei militari in Siria a partire dalla mezzanotte di domani: lo fa sapere il portavoce del ministero russo, generale Igor Konashenkov. “Circa un’ora fa – ha spiegato il generale Konashenkov – e’ stato convocato al ministero della Difesa l’addetto militare dell’ambasciata Usa, al quale è stata consegnata una nota sulla sospensione da parte russa, dalla mezzanotte dell’8 aprile, dei propri impegni nel quadro del Memorandum sulla reciproca comprensione tra ministero della Difesa e Pentagono per la prevenzione degli incidenti e per la sicurezza dei voli dell’aviazione nel corso dell’operazione in Siria”. Il generale ha così smentito quanto riportato da alcuni media americani, secondo cui la Russia si era detta d’accordo nel mantenere una linea diretta con gli Stati Uniti per prevenire collisioni tra gli aerei militari nei cieli della Siria

Gli Stati Uniti hanno lanciato nella notte un attacco, con 59 missili Tomahawk partiti da navi Usa nel Mediterraneo, (VIDEO) contro la base militare siriana di Shayrat, nella provincia di Homs, da dove sarebbero partiti i raid con armi chimiche del 4 aprile scorso sulla zona di Idlib, che hanno causato la morte di almeno 86 persone tra cui 30 bambini. Durissima la reazione della Russia. Mentre il presidente siriano Bashar al Assad va all’attacco bollando il comportamento degli Usa come “spericolato e irresponsabile“. “La Siria e i suoi alleati risponderanno in maniera appropriata a quest’aggressione“,  ha detto oggi Buthayna Shaaban, consigliere politico del presidente siriano Bashar al Assad, commentando l’attacco americano compiuto nella notte contro una base militare governativa nella Siria centrale. Intervistata dalla tv panaraba al Mayadin, vicina all’Iran, Shaaban ha assicurato che “il coordinamento tra Damasco e suoi alleati (la Russia e l’Iran) continua”.

Una nave da guerra russa è entrata nel Mediterraneo e si starebbe dirigendo verso i due cacciatorpedinieri americani che hanno lanciato l’attacco in Siria della scorsa notte. Lo riporta Fox News.

Gli Stati Uniti vareranno a breve nuove sanzioni contro la Siria. Lo ha annunciato il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin, parlando con i giornalisti a Mar-a-Lago.

“La nostra azione e’ stata molto misurata e siamo pronti a fare di piu’, ma speriamo che non sia necessario”: lo ha detto l’ambasciatrice Usa all’Onu Nikki Haley intervenendo al Conmsiglio di sicurezza. “Gli Usa non resteranno a guardare quando vengono usate armi chimiche”, ha aggiunto attaccando Mosca: “Ogni volta che Assad ha passato il limite della decenza umana la Russia e’ stata sempre accanto a lui”.

Gli Stati Uniti stanno verificando l’ipotesi che la Russia possa aver avuto un ruolo o possa aver partecipato all’attacco chimico in Siria, anche se al momento non ci sono prove. Lo afferma una fonte del Pentagono riportata da alcuni media americani.

Il presidente Vladimir Putin ha accusato Washington di aver compiuto “un’aggressione contro uno Stato sovrano”, che comprometterà le relazioni tra Usa e Russia. Mosca ha annunciato che rafforzerà le difese aeree di Damasco per proteggere le infrastrutture e ha sospeso l’intesa con gli Stati Uniti che garantisce la sicurezza dei voli durante le operazioni in Siria. Secondo il ministero della Difesa tuttavia, “solo 23” dei 59 missili hanno raggiunto la base di Shayrat, mentre gli altri 36 sarebbero caduti in un luogo “sconosciuto”.

La Russia, che conferma di essere stata avvisata prima del raid, ritiene inoltre che l’attacco chimico sia stato solo “un pretesto” per l’operazione americana decisa in precedenza, e chiede una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza dell’Onu.

Oltre a sei militari della base ci sono anche 9 civili, tra cui anche quattro bambini, tra le vittime dell’attacco americano sulla base militare governativa nella Siria centrale, secondo quanto riferisce l’agenzia Sana controllata dal governo, che parla così di un bilancio di 15 vittime. Secondo la Sana, i missili statunitensi non hanno colpito solo la base militare di Shayrat ma anche abitazioni civili nei villaggi circostanti.

La Russia si è detta d’accordo nel mantenere una linea diretta con gli Stati Uniti per prevenire collisioni tra i propri aerei militari nei cieli della Siria. Lo riportano fonti del Pentagono

LA BASE SIRIANA ATTACCATA, ESCLUSIVA ROSSIYA 24

Per Mosca inoltre l’attacco favorisce l’Isis e Al Nusra. Anche l’Iran protesta per “un’azione unilaterale pericolosa”. Prima di agire, Washington ha avvisato anche gli alleati, tra cui la Nato e l’Ue.

Per il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, l’uso delle armi chimiche “doveva avere una risposta”. In un comunicato congiunto, i leader francese e tedesca, François Hollande e Angela Merkel, sottolineano come “l’intera responsabilità pesi su Assad” e auspicano “sanzioni appropriate dell’Onu” per l’uso delle armi chimiche.

DA ISRAELE A UE – LE REAZIONI

In contatto con loro, si schiera il premier italiano Paolo Gentiloni, ribadendo l’impegno comune “perché l’Europa contribuisca alla ripresa dei negoziati” con Onu e Russia. “Chi fa uso di armi chimiche non può contare su attenuanti”, ha aggiunto, convinto che l’azione americana rimarrà “limitata”.  (LEGGI)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...