Se sei pm puoi insultare un carabiniere – Il Tempo


Un carabiniere che «insiste» nel chiedere i documenti a un uomo che non indossa la toga ma che è «chiaramente» un magistrato, può essere liquidato con un sintetico invito ad andare a quel paese. Lo ha deciso la Procura di Caltanissetta, che ha ritenuto non punibile il giudice, mandando – seppur tra le righe – nuovamente a fanculo il militare troppo preciso. La storia farebbe anche ridere se non ci fosse di mezzo un oltraggio alla divisa da parte di un uomo che dovrebbe far rispettare la legge. Con la complicità, oltretutto, dei colleghi che hanno giustificato l’insulto. Tutto avviene a novembre scorso, non in un posto qualunque ma nell’area blindata della Procura di Palermo riservata alla Direzione Distrettuale Antimafia. Laddove le polemiche sulla scarsa sicurezza nei tribunali non si sono ancora placate, l’appuntato del reparto scorte ha chiesto i documenti a un uomo da lui mai visto prima. Infastidito dall’«affronto» del carabiniere, in servizio con altri tre colleghi, il giudice si è rifiutato di mostrargli il badge dandogli le spalle. Il militare non ha potuto far altro che insistere, quell’uomo avrebbe potuto esser chiunque, avere anche una pistola in borsa. Quindi ha riformulato la domanda, ottenendo di tutta risposta un «Ma vaffanculo!». L’esclamazione, pronunciata davanti agli altri militari e confermata dallo stesso togato nella propria relazione di servizio inviata al procuratore di Palermo, è stata ritenuta lecita. Il giudice, come hanno sentenziato i suoi stessi colleghi di Caltanissetta, non è punibile. Stava entrando nell’area riservata senza mostrare il badge, aveva il «diritto» di non essere importunato. Ha mandato a quel paese il militare che stava lavorando, ha girato i tacchi e tanti cari saluti. Secondo la corte, il magistrato ha reagito a un «atto arbitrario» del carabiniere consistente nell’aver chiesto l’esibizione dei documenti «quando appariva ormai chiaro che si trattava di un magistrato e quando lo aveva certamente valutato come un soggetto inoffensivo dal punto di vista della sicurezza del magistrato da lui protetto». Avrebbe dovuto immaginare chi aveva di fronte il puntiglioso militare, e il vaffanculo, insomma, «se l’è cercato». Contro la richiesta di archiviazione, presenteranno presto opposizione i legali del carabiniere, Giorgio Carta e Maria Laura Perrone. «La richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura di Caltanissetta – spiega l’avvocato Carta – mi sorprende. Mi chiedo, infatti, a quale rispetto possano oggi aspirare i poliziotti e i militari se perfino un magistrato pronuncia simili parole dinnanzi a chi sta svolgendo un delicato servizio per la collettività, peraltro particolarmente rischioso come quello della scorta».

Fonte: Il Tempo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...